Ceglie Messapica

Avevano smontato le ruote dei cassonetti per metterle al barbecue: denunciati

martedì 23 febbraio 2016
Nell’ambito di un coordinato servizio di controllo del territorio realizzato nei giorni scorsi nei Comuni di Ostuni e di Ceglie Messapica, personale del Commissariato di Polizia di Ostuni e della Polizia Locale di Ceglie Messapica, coordinati e diretti dal Commissario Capo Gianni Albano e dal Capitano Cataldo Bellanova, ha portato a termine un operazione di prevenzione e contrasto dei reati contro il patrimonio giungendo alla denuncia di 2 soggetti, padre e figlio, identificati in T.R., 76 anni e T.P.,45 anni, entrambi residenti a Ceglie e con precedenti specifici, per i reati di furto e ricettazione, pervenendo inoltre al recupero di ingente refurtiva dal consistente valore commerciale. 

Un secondo intervento, invece, effettuato in agro di Ostuni, ha permesso di evitare che fosse portato a compimento un ingente furto di cavi di rame ai danni di un complesso balneare della zona.

Il primo episodio risale a qualche giorno fa, quando avvenne un furto di ruote di cassonetti per la raccolta di rifiuti solidi urbani all’interno del Comune di Ceglie Messapica. In particolare 3 ruote furono trafugate da un cassonetto e una quarta da un altro. Il ‘bizzarro’ ladro, però, fu immortalato durante l’azione delinquenziale attraverso delle telecamere collocate sugli stessi raccoglitori di rifiuti, nell’ambito del monitoraggio del territorio e delle isole ecologiche. 
 La visione delle immagini da parte del personale della Polizia Locale ha consentito di stringere il campo dell’attività investigativa su un soggetto del posto, già in precedenza “pizzicato” per azioni simili. 
Lo scambio di informazioni tra l’ufficio di Polizia Locale e gli operatori del Commissariato della Città Bianca, ha permesso di effettuare degli approfondimenti d’indagine sul soggetto ritratto nelle immagini del furto ai danni dei cassonetti che hanno portato ad attenzionare meticolosamente anche i movimenti del figlio e gli strani andirivieni che, soprattutto in orari serali e notturni, si verificavano nelle adiacenze della villa di sua proprietà.
Pertanto, avendo il fondato sospetto che all’interno della proprietà dei due individui, vi si potesse rinvenire, debitamente occultata, della refurtiva, si è deciso di procedere ad un attività di perquisizione domiciliare. Ed in effetti, all’interno del giardino della villa di proprietà del soggetto immortalato nelle immagini, sono state rinvenute le 4 ruote che lo stesso aveva provveduto a camuffare, “saldandole” al di sotto di un barbecue, al fine di renderlo trasportabile a seconda di esigenze e necessità e per impedirne il riconoscimento ed il ritrovamento; inoltre, l’ulteriore attività di ispezione e controllo ha permesso anche di trovare un camion munito di braccio meccanico che, debitamente camuffato tra i cespugli della macchia mediterranea, è risultato essere stato rubato nel Comune di Francavilla Fontana.
Il mezzo, del valore di oltre 10 mila euro ed ancora in buono stato e funzionante, è stato restituito al legittimo proprietario.
La Polizia ha evitato, inoltre, che fosse portato a termine un ingente furto di cavi di rame ai danni di un complesso balneare del posto, inducendo alla fuga i manigoldi che sono riusciti a scappare, ma a mani vuote, anche approfittando delle tenebre e delle campagne circostanti nonché grazie al tempestivo e celere intervento del personale in divisa che, durante l’ispezione dei luoghi interessati dal furto sventato, ha rinvenuto e sottoposto a sequestro penale tutto lo strumentario tipico di questo genere di reati.
 
Altri articoli di "Ceglie Messapica"
Ceglie Messapica
14/12/2018
Sequestro e indagini della Capitaneria per accertare che la ...
Ceglie Messapica
05/12/2018
Sei arrestati per un agguato ai danni dei tifosi della ...
Ceglie Messapica
16/11/2018
Sequestrati oltre 5.550 litri. Accertati ulteriori 6.500 litri di carburante consumato in ...
Ceglie Messapica
07/11/2018
Operazione con i cani antidroga: i controlli continueranno ...